Lecitina e funzione del fegato

La lecitina protegge la salute del tuo fegato in diversi modi. È un tipo speciale di lipidi che impedisce la formazione di grassi nel fegato. Inoltre lecitina è una fonte importante della colina nutriente, che ha un ruolo vitale nella funzione epatica. La lecitina è il nome comune della fosfatidilcolina, per cui i due nomi sono spesso utilizzati in modo intercambiabile.

La lecitina appartiene a un gruppo di composti chiamati fosfolipidi, che costruiscono le membrane che circondano ogni cellula del tuo corpo. Infatti, la lecitina è uno dei costituenti primari delle membrane cellulari. In questo ruolo, aiuta a regolare il modo in cui le cellule funzionano e supporta la comunicazione tra le celle. È possibile distinguere dal suo nome scientifico – fosfatidilcolina – che la lecitina contiene la colina. È in realtà la più grande fonte di colina in una dieta tipica. La colina è una sostanza nutritiva essenziale, oltre al suo ruolo nel fegato, supporta il metabolismo e contribuisce a rendere il neurotrasmettitore acetilcolina.

La lecitina regola il metabolismo dei grassi nel fegato, dove si lega con proteine ​​che riducono i trigliceridi e aumentano i livelli di buon colesterolo nel flusso sanguigno. Il fegato necessita di fosfatidilcolina per produrre lipoproteine ​​a bassa densità, che trasportano grassi dal fegato. Se i livelli di fosfatidilcolina sono bassi, i grassi si accumulano nel fegato e causano danni al fegato. Le persone tendono a sviluppare malattie epatiche alcoliche non alcoliche se non hanno abbastanza colina, riferisce l’Istituto Linus Pauling. In studi di laboratorio con topi, i danni al fegato sono stati significativamente ridotti quando i topi hanno ricevuto la lecitina di soia, secondo un rapporto pubblicato nella Ricerca Pediatrica Nel febbraio 2007. Un altro studio che utilizza i ratti ha scoperto che la fosfatidilcolina dietetica riduce l’accumulo di grassi nel fegato, ha riferito la nutrizione nel 2005.

La maggior parte della colina nei cibi esiste sotto forma di lecitina. Di conseguenza, le fonti di lecitina sono spesso riportate come alimenti contenenti colina: con 356 milligrammi in un serving di 3 once, il fegato di manzo è la principale fonte di colina. Sono seguiti da tuorli d’uovo, che hanno 147 milligrammi di colina in un grande tuorlo. Le carni bovine, il petto di pollo, il salmone, i capesante, i gamberi e il tacchino atlantico forniscono 70-100 milligrammi in un servizio da 3 once. I cavoli e broccoli di Bruxelles sono due buone verdure, con circa 63 grammi di colina in 1 tazza di verdure cotte. Il latte di soia e il tofu sono anche buone fonti, e riceverete piccole quantità di latte scremato, burro di arachidi, fagioli, avena e pane integrale.

L’Istituto di Medicina raccomanda che le donne ricevano 425 milligrammi di choline ogni giorno, mentre gli uomini necessitano di 550 milligrammi. Sul lato opposto, l’IOM raccomanda di consumare più di 3.500 milligrammi di choline ogni giorno, perché può causare un calo della pressione sanguigna: si può verificare una mal di stomaco o diarrea da assumere lecitina o colina supplementare. Gli effetti collaterali più gravi sono meno probabili con la lecitina perché è solo circa il 13% di colina. La colina supplementare pura può provocare il vomito, la sudorazione e un odore sordo del corpo. Se stai in stato di gravidanza o allattamento, rivolgetevi al medico per essere sicuri che gli integratori di colina siano al sicuro. Non prendete la colina se siete diagnosticati con disturbi bipolari perché potrebbero aumentare il rischio di depressione.

Panoramica di Lecithin

Ruolo della lecitina nel fegato

Fonti di Lecithin

Raccomandazioni e Avvertenze